RobertaMigliori.it | Comunicazione Interna e Web Marketing

Ciao, sono Roberta Migliori e questo è il mio blog sulla Comunicazione Interna e sul Marketing Digitale. Mettiti comodo, ti offro un caffè!


Benvenuto! Mi chiamo Roberta e sono una giovane e felice consulente di comunicazione social media specialist. Grazie per essere passato a farmi visita sul mio sito! Se ti va di sapere chi sono e come sono fatta, puoi visitare questa pagina.
Da quando sono nata ho continuato a marciare, senza fermarmi mai. Se sei curioso di sapere come sono arrivata fino a qui e cos'ho combinato fino adesso, perché non scarichi il mio CV?

In fondo al curriculum troverai un regalino per te.

Ora che mi sono presentata, che ne dici di fare due chiacchiere e di raccontarmi cosa posso fare per te? Seguimi, ti mostro come contattarmi.
RobertaMigliori.it | Comunicazione Interna e Web Marketing

Ciao, sono Roberta Migliori e questo è il mio blog sulla Comunicazione Interna e sul Marketing Digitale. Mettiti comodo, ti offro un caffè!


giugno 18, 2015

Formazione in azienda: 3 buoni motivi per usare lo storytelling

Formazione in azienda: 3 buoni motivi per usare lo storytelling

Lasciamelo dire per la cinquecentesima volta: amo il mio lavoro. La comunicazione mi permette di riscoprire tante passioni che ho sempre avuto, sin da quando ero bambina. Da piccola, per esempio, amavo moltissimo raccontare e leggere storie. Gli esercizi narrativi mi tenevano occupata per ore: inventavo un titolo e poi raccontavo una storia. Guardavo un oggetto, un’onda, un filo d’erba e nella mia mente si aprivano scenari fantastici, popolati di coraggiosi eroi e magiche eroine.

Quando, 20 anni dopo, ho cominciato a lavorare nel campo della comunicazione, mi sono trovata di fronte a uno scenario ideale: lo storytelling è la moda del momento. E non lo dico affatto in modo critico o negativo: le competenze narrative sono importanti ai tempi della comunicazione digitale, così calda e personale.

Vivendo attivamente la rete tutti i giorni, mi sono accorta che il tema dello storytelling viene affrontato dalla maggior parte dei miei amici blogger secondo alcuni principali punti di vista:

  • Il visual storytelling. Un tema che mi appassiona sempre di più. Hai presente quando si dice che “un’immagine vale più di mille parole”? Chi fa visual storytelling lo sa bene, e utilizza le immagini per costruire significati e per raccontare valori.
  • Lo storytelling personale. La capacità di raccontare se stessi, la propria attività e la propria vita è sempre più importante per chi decide di fare personal branding.
  • Il corporate storytelling, per dare un volto all’azienda e per comunicare in modo più intimo ed emozionale con il proprio pubblico. Brunello Cucinelli, per esempio, è un imprenditore che ha deciso di adottare quest’approccio per la comunicazione istituzionale della propria azienda.

Sebbene tutte queste declinazioni dello storytelling siano importanti, mi sembra che ne manchi una fondamentale: lo storytelling per imparare.

Imparare raccontando

La narrazione è uno strumento potentissimo di apprendimento. Questa non è una novità: nei poemi omerici, per esempio, una gran quantità di versi venivano dedicati ad insegnare alle persone costumi, tradizioni, tecniche per portare a termine con successo i compiti più svariati.

Eppure a lungo ce ne siamo dimenticati, a lungo abbiamo creduto che imparare avrebbe necessariamente richiesto fatica (e, in molti casi, persino noia). Siamo diventati adulti e abbiamo dimenticato che le storie non sono solo per bambini. Negli ultimi anni le aziende si sono risvegliate da questo torpore, e si sono ricordate dell’importanza della narrazione. Capita sempre più spesso che grandi organizzazioni decidano di approfondire il tema dello storytelling e di integrarlo in percorsi di formazione e di change management.

Ecco, secondo me, quali sono i principali vantaggi che la tua azienda può trarre dall’approccio narrativo:

Le storie proteggono

Chiedere ai dipendenti di un’azienda di esporsi e di manifestare le proprie difficoltà non sempre è semplice. Le persone potrebbero decidere di tutelarsi e di tenersi tutti i dubbi per sé.

Raccogliere le loro opinioni accompagnandole in un percorso di storytelling, invece, è molto facilitante: il racconto offre una serie di opzioni che la pura descrizione non concede.

Per esempio? La possibilità di utilizzare metafore, di parlare di sé in terza persona, di raccontare la propria situazione secondo un punto di vista esterno, sono tutti espedienti che aiutano i dipendenti ad aprirsi e a condividere con l’azienda preziose informazioni che altrimenti non emergerebbero.

Le storie… fotografano

Ricordi quando, alle superiori, scrivevi un’analisi del testo? Quando ti trovavi ad analizzare poesie o racconti, probabilmente ti rendevi conto del fatto che autori vissuti nella stessa epoca tendono a toccare argomenti comuni, ma secondo punti di vista diversi.

Quando mi capita di raccogliere e analizzare racconti aziendali, mi sorprendo sempre per i temi ricorrenti e i sentimenti spesso comuni che emergono dalle storie.

Così come la letteratura è la fotografia di un’epoca, allo stesso modo lo storytelling interno dà lo stesso valore all’azienda: le restituisce una fotografia di se stessa e delle persone che la vivono ogni giorno.

Le storie coinvolgono

Seguire un corso di metodo manageriale o di change management va bene. Apprendere un metodo studiandolo in modo tradizionale è assolutamente corretto. Ma perché non integrare queste metodologie con dei racconti che rimangano impressi nella memoria?

Ti faccio un esempio: John Kotter è uno degli autori di riferimento quando si parla di leadership del cambiamento. Dopo aver scritto diversi volumi sul change management, ha scritto un libricino dal titolo Il nostro iceberg si sta sciogliendo. Indovina di cosa si tratta?

Si tratta della storia di una colonia di pinguini che deve superare un momento particolarmente difficoltoso: l’iceberg su cui vivono si sta sgretolando sotto le loro pinne. Sembra incredibile, ma tramite una fiaba Kotter riesce a trasmettere il suo intero metodo di gestione del cambiamento in modo molto più coinvolgente e persino divertente.

E tu consiglieresti lo storytelling come metodo di apprendimento? Aspetto la tua opinione nei commenti!

Shares

Roberta Migliori

Ciao! Sono Roberta Migliori, consulente di comunicazione e social media specialist in Wingage, società del gruppo GSO Company. Mi occupo principalmente di comunicazione interna e di formazione. Mi piace studiare (forse non sono normale), mangiare la pizza, e PERSINO lavorare.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle Plus

Comunicazione interna #
Share: / / /

Ti potrebbero piacere questi articoli

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Stay In Touch
Shares